Scopri tutti gli articoli e le iniziative nelle varie sezioni del portale

Più consultati


Tags

Con le pinne, fucile e...maschera da snorkeling per Convid-19

25/03/2020

Sempre da Brescia, un'altra invenzione tutta Italiana per la lotta al Coronavirus.


Charlotte, la maschera salvavita

Abbiamo già parlato su TIM Open la scorsa settimana della creatività di una startup bresciana grazie alla quale è stata risolta la carenza di valvole respiratorie all'Ospedale di Chiari.

Oggi abbiamo un'altra bella notizia sempre da Brescia, sempre da un team formato da uno startupper e un medico, Massimo Temporelli e Renato Favero. Insieme, utilizzando una maschera per snorkeling, riescono a trasformare una maschera per guardare i pesci in uno strumento per salvare la vita di chi è in ospedale a causa del Coronavirus.


Dopo un primo test su 20 maschere Decathlon, e dopo averne verificato il funzionamento, ne vengono ordinate altre 500, e trasformate così in maschere C-PAP ospedaliere per terapia sub-intensiva.

Il raccordo tra la maschera Easybreath e il respiratore dell'ospedale è stato battezzato Valvola Charlotte. Decathlon si è resa immediatamente disponibile a collaborare fornendo il disegno CAD della maschera. Il prodotto è stato smontato, studiato ed è stato poi disegnato il nuovo componente per il raccordo al respiratore, che hanno chiamato appunto Valvola Charlotte, e che è stato stampato in breve tempo tramite stampa 3D.

Chiunque potrà stamparla liberamente, a condizione che non sia utilizzato per fini commerciali. La valvola Charlotte è stata infatti brevettata «per evitare eventuali speculazioni sul prezzo del componente», ma tale brevetto rimarrà ad uso libero (è stato infatti condiviso liberamente il file per la realizzazione del raccordo in stampa 3D).





  • Nessuna etichetta