Scopri tutti gli articoli e le iniziative nelle varie sezioni del portale

Più consultati


Tags

Covid-19: lo Stato cinese adotta un’App ad hoc.

03/03/2020

L’applicazione consente di tracciare i movimenti delle persone e segnalare agli utenti se sono vicini a persone che potrebbero essere state contagiate.

Cina e monitoring del virus

Le autorità statali cinesi hanno sviluppato un’applicazione per monitorare il virus Covid-19, attraverso l’agenzia Xinhua e in collaborazione con China Electronics Technology Group Corporation. L’applicazione è conosciuta come Detector di Contatti Ravvicinati. I dati per alimentare l’app vengono direttamente dalle autorità sanitarie e dei trasporti, dati affidabili e in tempo reale, attraverso i quali l’utilizzatore dell’applicazione può controllare la zona e la presenza di pazienti conclamati o asintomatici.

Per accedere, basta fare la scansione di un codice QR con una tra 3 app (Alipay, WeChat o QQ). La registrazione richiede numero di telefono, nome e cognome, così da ottenere un ID.

Più che applicazioni sono in realtà servizi contenuti all’interno di software molto popolari come WeChat o AliPay. Tutti i fornitori cinesi di mappe e navigazione (alla Google Maps, per intenderci) hanno aggiunto un tasto virtuale per accedere al servizio.


vMap è una di queste app gratuite e ha aggiunto il tasto animato in home, in alto a sinistra e evidenziato in rosso, proprio a fianco della barra per cercare vie, esercizi commerciali o punti di interesse.

Mappe e Localizzazione: e la Privacy?

I pallini che appaiono sulle mappe, acquisiscono forma e localizzazione precisa. A ingrandimento massimo cambieranno forma diventando un adesivo con scritta una località precisa come può essere un condominio, un ospedale, un villaggio e così via. In ognuno di questi posti si trova uno o più contagiati confermati dalle autorità. Così facendo, si potrà evitare di recarsi nella zona se si volesse ridurre al massimo il rischio di contagio.

Per quanto riguarda l’importante questione della privacy, occorre sapere il popolo cinese è abituato a fornire i propri dati e non li considera così “sensibili” come facciamo noi in Occidente. In questo caso poi il feedback è mediamente positivo, visto che queste app vengono intese come un dato al servizio della comunità. Non sono comunque riportati nomi o riferimenti precisi alle persone contagiate, ma soltanto la loro posizione.

Molto spesso però i partecipanti al gruppo chiedono l’ubicazione precisa del contagiato, ovvero il numero dell’appartamento all’interno dei grandi complessi dove vive la quasi totalità della popolazione o la casa nel villaggio. Si cerca di evitare almeno questo, ma molto spesso non è così difficile risalire all’identità.