Scopri tutti gli articoli e le iniziative nelle varie sezioni del portale

Più consultati


Tags

Coding, l'Italia in pole position.

07/02/2019

Con 30.326 eventi pro capite, l'Italia è al primo posto in Europa.


Il lavoro del futuro ... molto prossimo

Il 65 per cento dei ragazzi che sono oggi a scuola farà un mestiere che non è stato ancora inventato. E il coding sarà alla basa di molti di questi lavori futuri. Il McKinsey Global Institute dà questi numeri: ottocento milioni di persone dovranno aggiornare le proprie conoscenze se non vogliono rischiare di rimanere a casa. L'Italia non è messa molto bene: il World Economic Forum ci vede al 45esimo posto nella classifica dei paesi più preparati ad affrontare la nuova economia digitale. E il coding è uno dei tool da utilizzare anche se non rappresenta una garanzia. Oggi si usano diversi linguaggi e Scratch è un ottimo primo passo per impararli, ma difficilmente uno di questi verrà usato domani. Il vero obbiettivo è capire la programmazione in generale e imparare ad analizzare quello che ci circonda in maniera strategica. Va sotto il nome di Costruzionismo ed è una teoria basata sul Costruttivismo. Sostiene che si impara in modo più efficiente se si è coinvolti nella produzione di oggetti, gli "artefatti cognitivi", fisici o digitali. E questo trasforma l'uso passivo del digitale ad una forma attiva: lo studio della programmazione permette di passare dalla posizione di meri consumatori a quella di persone capaci di inventare.

Ma il coding non rappresenta LA soluzione: al liceo e alla'università non ci sono abbastanza materie Stem (Science, technology, ingegneria e matematica).

L'Italia al primo posto ... per gli eventi di coding

A dispetto del fatto che l'Italia non abbia ancora introdotto il coding nei programmi scolastici (Estonia, Finlandia, Polonia, Portogallo, Irlanda, malta, Gran Bretagna, Francia e Spagna invece sì), è però al primo posto a livello europeo per quello che riguarda eventi e manifestazioni legate al coding pro capite e al secondo posto dopo gli USA a livello mondiale (18.508 gli eventi organizzati nelle scuole).


E non è un caso. È infatti un modo per provare a recuperare terreno (il rapporto DESI 2018 della Commissione europea ci vede al 25° posto su 28 per la digitalizzazione dell'economia e della società; al 18° per i servizi pubblici digitali).

E agli eventi, si aggiungono anche inserti e collane editoriali per aiutare la diffusione del coding tra i più giovani:

https://video.repubblica.it/tecno-e-scienze/coding-la-nuova-collana-di-repubblica-e-le-scienze-d-alessandro-programmare-apre-la-mente/325989/326605