Cronologia pagina

Versioni confrontate

Chiave

  • Questa linea è stata aggiunta.
  • Questa linea è stata rimossa.
  • La formattazione è stata modificata.

...

Allineatestogiustificato

Che cos'è Club House?

Niente foto in costume, niente trucco o vestiti fashion, quello che conta sono le idee e la voce. Si scarica l'App, si sceglie la stanza oppure se ne crea una propria, con un tema specifico o anche no, e si discute e ci si confronta con altre persone, in modo educato, alzando la mano per chiedere la parola. Per ora solo su iPhone (e solo da iOS 13.0 in su), il nuovo social network audio ancora in fase beta sarà a breve anche sulle altre piattaforme mobilisu Android.
Ad oggi, ben 2 milioni di utenti al mondo, e per ora solo su invito, ma basta scaricare l'app, dare un nickname e un numero di cellulare, poco dopo c'è sempre qualcuno che ti conosce e ti manda un invito (almeno, a me è andata così).

Un investimento da 12 milioni di dollari valuta l'app all'inizio a circa 100 milioni, ad oggi si parla di un milione di dollari, ma il valore cresce ogni giorno, difficile stargli dietro, anche perché i soldi sono arrivati dal fondo venture capital di Andreessen Horowitz, tra i primi a credere in Twitter, Facebook, Groupon, Coinbase e Airbnb. Inaugurata il 31 gennaio con una Room organizzata da Elon Musk , che ha raccolto più di 5.000 partecipanti (che è poi il tetto massimo per ogni Stanza; la durata invece per ora non ha limiti di tempo). , Club House , è stata fondata dall’imprenditore della Silicon Valley Paul Davison e dall’ex impiegato di Google Rohan Seth,  è . È vietata ai minori di 18 anni e in caso di affermazioni scorrette, violente o simili, l'utente viene immediatamente segnalato dal moderatore. Una volta conclusosi il dibattito, la Room scompare.

Non un Social qualsiasi

Siamo ancora agli inizi e ci vorrà del tempo per capire se avrà successo. Di sicuro Club House si differenzia dalle altre app social non solo perché preferisce i contenuti all'immagine, ma soprattutto perché, rispetto al fenomeno dei leoni da tastiera, esprimere e condividere il proprio pensiero a voce di fronte ad una platea significa riflettere prima di parlare, comporta anche tempi più lunghi rispetto ai LIKE dati in ormai in automatico mentre si fa dell'altro. La presenza della voce è senza dubbio il valore aggiunto che consente di avere una rappresentazione più reale e genuina degli iscritti; la conversazione e le tematiche ne guadagnano in qualità e nei toni.  Si crea inoltre un interessante effetto sorpresa, perché non sappiamo chi incontreremo nella stanza e anche un effetto popolarità immediata, perché chi inizia la stanza in prima persona avrà il polso di quanto il suo argomento possa essere interessante e per quante e quali persone. Il tono della voce aiuta anche ad evitare quei fraintendimenti che spesso si verificano quando si scrive su Twitter o su Facebook, perché non è da tutti comunicare attraverso la scrittura le proprie emozioni, con tutte le quelle sfumature che non sempre gli emoticon aiutare aiutano a descriveredefinire.

Molto vicina al concetto di podcast, Club House farà tanto parlare di sé e diventerà probabilmente una vera e proprio radio social con tanto di palinsesto.

Dove sta il business?

Se vogliamo andare oltre il primo entusiasmo della novità (per l'ultima app dirompente dobbiamo risalire forse a TikTok) e parlare anche di come guadagnare, Club House presenta tantissime possibilità. Oltre a passaggi pubblicitari di brand magari collegati alle tematiche presentate nella Room, pensiamo anche a TED a pagamento, oppure ad eventi musicali simili ai concerti, sempre LIVE ma solo audio, ai quali si può accedere pagando un biglietto, oppure a corsi tenuti da importanti teacher o influencer. La fantasia e l'esperienza di ognuno non hanno limiti.




Copyright © 2017 Telecom Italia S.p.A. - P.IVA 00488410010