Scopri tutti gli articoli e le iniziative nelle varie sezioni del portale

Più consultati


Tags

Vuoi diventare ricco? Meglio il digitale dell'NBA

13/03/2017


Volete diventare ricchi? Altro che NBA: fate gli ingegneri informatici. Ora, detta così sembra grossa. Ma per gli amanti di numeri e statistiche, non è una bufala. 

Andiamo con ordine. Paysa è una piattaforma che mette in contatto offerta e domanda di lavoro. Vive quindi sulla razionalità più che sulle passioni. Per arrivare alla conclusione che puntare sul digitale convenga più che diventare il nuovo LeBron James, ha preso la calcolatrice e ha iniziato a fare calcoli.

Paysa paragona la possibilità di diventare un grande giocatore di basket o baseball alla vittoria della lotteria. Una provocazione, certo. Che però un briciolo di verità ce l'ha. Fai parte della squadra di basket delle superiori? Guardati intorno: solo un aspirante Stephen Curry su 12 mila diventerà professionista (e non si sa per quanto tempo). Va un po' meglio ai liceali che puntano sul football americano: uno su 4233 vivrà l'ebbrezza della NFL (il massimo campionato Usa). Un bel po' di possibilità in più per il baseball: se giochi alle superiori, hai una possibilità su 659 di diventare professionista. È vero: le paghe sono (assai) sostanziose: uno stipendio annuo medio di un cestista NBA è di 2,5 milioni di dollari. Per un giocatore di football si aggira intorno ai 500 mila dollari e per uno di baseball agli 860 mila.



Buste paga che fanno gola, non c'è che dire. Ma quelli di Paysa, determinati  a dimostrare che convenga occuparsi di informatica, sono andati avanti. Hanno ripreso la calcolatrice e sottolineato che le carriere sportive sono, di solito, molto brevi. Nella Mlb, in media durano 5,6 anni. In NBA 4,8 anni. Nel football ancora meno: 3,5 anni. Moltiplicando paga media e carriera, ecco i risultati: un giocatore di baseball guadagna in tutto 2,9 milioni; uno di football arriva a 3 milioni. In NBA è più fortunato: 12 milioni. Sponsor esclusi.

Guardiamo adesso a un ingegnere che si orienta verso le discipline tecnologiche: negli Stati Uniti, 97 laureati su 100 trovano un lavoro. Il loro guadagno medio supera di poco i 125 mila dollari l'anno. Considerando che la loro carriera dura circa 40 anni, l'incasso complessivo si aggira attorno ai 5 milioni di dollari. Se poi avete la fortuna di lavorare in Google, si sale oltre i 10,6 milioni. In Facebook si arriva a 13,5 milioni. 



Sia chiaro: quello di Paysa è un giochino. Poco più di uno scherzo. Si concentra sulla realtà statunitense. E non calcola molte varianti: la Silicon Valley non è certo la norma; lavorare in Facebook per 40 anni sarà una rarità. Ed è quantomeno inconsueto che un ragazzo al liceo abbia allo stesso tempo le idee di Mark Zuckerberg e il braccio di Tom Brady. Ognuno, quindi, dovrà inseguire le proprie passioni e le proprie inclinazioni. Al di là della boutade, però, c'è qualcosa su cui riflettere: i numeri suggeriscono che, accanto al sogno di mettere piede al Madison Square Garden, ci sono tanti motivi per annotare sulla lista dei desideri Menlo Park e Mountain View.