Scopri tutti gli articoli e le iniziative nelle varie sezioni del portale

Un'estate da developer

04/08/2017

Quando arriva l’estate cosa fanno gli sviluppatori per rilassarsi? Ma soprattutto, riescono davvero a staccare?


C’è chi è immerso nell’andrenalina fino al collo, e deve fare, fare e ancora fare: a cavallo in Camargue, surf in Algarve, free climbing in Engadina, MTB downhill in Canada.

E a fine serata un Moscow Mule o un Pisco Sour, i cocktail hit dell'estate 2017.


 

Ma l'estate  può anche diventare un’occasione per un giusto mix di lavoro + vacanza, durante la quale incontrare altri dev, designer e imprenditori in meravigliosi luoghi di vacanza, lavorando in remoto su progetti personali.

Come propone Hacker Paradise, che organizza viaggi in località meravigliose, per periodi che vanno da 2 settimane a 4 mesi, per tutti coloro che vogliono continuare a lavorare ai propri progetti in un ambiente rilassato ma anche stimolante.

I prossimi viaggi di Hacker Paradise:

4 giugno-26 agosto, Palermo, ITALIA

17 settembre-9 dicembre, Città del Capo, SUD AFRICA

22 ottobre-18 novembre, Chiang Mai, TAILANDIA

19 novembre-16 dicembre, Phnom Penh, CAMBOGIA

http://www.hackerparadise.org/

 

Un caso a sé è quello dei game dev, per i quali la vacanza diventa spesso un'occasione per vedere quei videogame che non si è riusciti a vedere durante il periodo in città. 

Cosa ne pensa Andrew Bennison, managing director di Prospect Games?

"The life of a game developer is a cycle of long hours and product launches, with not much room in the middle for relaxing. When you get a moment to disconnect you should do just that! I like to go to the countryside and coast, anywhere that gets me away from the office and stretching those tense muscles. My best ideas and clearest thoughts on where to take my business next have come from being removed from my usual surroundings, bring pen and paper with you for those lightbulb moments!"

E in Italia? Ce ne parla Marco Altomonte, videogame developer di Milano:

“ In linea di massima, durante la vacanza cerco di staccare e di non pensare al lavoro, a meno che non insorgano delle emergenze. Vado a trovare i miei genitori al lago e faccio un lungo viaggio con gli amici, meglio se combina città europee e mare. Ne approfitto anche per vedere i giochi della “concorrenza” e allora ne scarico, per esempio da Steam, GOG o Twitch. Ultimamente sono impazzito per il videogioco Inside (https://www.youtube.com/watch?v=yDm6PAgNohU). E poi Netflix: tra poco inizia la nuova serie di Star Trek: non vuoi rivederti le migliori puntate delle stagioni passate fatte 10/20 anni fa? E cosa dire di Stranger Things (uno dei miei preferiti)? E per finire, GAME OF THRONES … winter is coming, anche d’estate!”


Per tutti, dev e non dev, workaholic o no, buone vacanze!