Scopri tutti gli articoli e le iniziative nelle varie sezioni del portale

Più consultati


Tags

Ottenere il massimo dalla postazione di lavoro: sei tips per i Dev

20/01/2017


Quello del Dev è uno “sporco lavoro”, che implica una vita inchiodata alla scrivania, ma qualcuno deve pur farlo. Sapevate però, che mentre vi trasformate lentamente in un animale mitologico, mezzo uomo mezzo computer, il vostro spazio lavorativo influenza la vostra psiche oltre che la vostra schiena? Ecco alcuni semplici suggerimenti per organizzare al meglio la vostra postazione, aumentando il benessere e incrementando la produttività.

 

 

1) Organizzate i cavi

 

“Chi ben comincia…inizia dai cavi”


Sono ovunque. Sono loro. Sono pronti a intralciarci, a perdersi a confondersi e ad ingarbugliarsi per sempre: i responsabili dell’entropia nei nostri uffici e spesso anche nelle nostre vite sono cavi, cavetti, carica batterie, prolunghe, adattatori e via dicendo. Mettete subito le cose in chiaro organizzandoli e dividendoli:

  • Con una guaina come questa, utile a metterli in ordine e a proteggerli dalla polvere
  • Con un Grid IT organizer, utilissimo per “mettere in riga” tutto il vostro materiale tecnologico nello zaino, in valigia ma anche sulla scrivania o appeso al muro. Se avete un irrefrenabile raptus DIY, potete persino provare a crearne uno.

2) Liberatevi del superfluo

 

“Il magico potere dello sgombero”

 

Pensavate di essere sfuggiti al bestseller di Marie Kondo che illustra il metodo giapponese per organizzare armadio e vita?  Se non riuscite più a vedere la linea dell’orizzonte oltre il muro di rifiuti, è il momento di fermarsi a riflettere: la mamma aveva ragione, almeno un minimo di spazio e pulizia aiuta a schiarire le idee e a concentrarsi. Togliete quelle 16 tazze del caffè (sappiamo che ci sono), via le bottigliette vuote, i fogli accartocciati…In particolare a fine giornata, in modo da trovare tutto pronto il mattino successivo. Provate almeno una volta a rimuovere ogni cosa dalla vostra scrivania, rimettendo a posto solo ciò che è veramente essenziale e che usate quotidianamente. È coperto di polvere? Allora non serve.

 


3) Organizzate il vostro spazio digitale

Il pc è lo specchio dell’anima, diceva il saggio: l’invito a fare un po’ di chiarezza vale anche per il vostro computer. Dite addio alle matrioske incomprensibili di cartelle, ai desktop sovraffollati e ai files sparpagliati seguendo queste semplici regole:

  • Ridurre le icone sul desktop (sono comode ma vi rallentano e no, non troverete più facilmente quello che state cercando)
  • Evitare le sticky notes (non sembra, ma vi distraggono)
  • Eliminare i files duplicati (non sono figurine Panini)
  • Separare e organizzare le inbox (in attesa di avere una segretaria)
  • Archiviare periodicamente i files (per caso tenete nell’armadio la tutina di quando avevate 3 mesi?)
  • Creare una cartella di Waiting On Response files (le priorità, prima di tutto)

 


4) Portate un po’ di natura in ufficio

 

“La natura non fa nulla di inutile. Siate come la natura”

 

“Le piante danno un tono all’ambiente” è solo un luogo comune? Uno studio di psicologia afferma che guardare immagini di natura ha effetti cognitivi positivi, rende più veloce il riposo della mente e il recupero della concentrazione (tirate subito fuori dall’armadio quei vecchi poster di paesaggi, vi aiuteranno a sopravvivere alla giornata); secondo PsyBlog, le piante da interni hanno più o meno la stessa funzione: non rendete il vostro ufficio una jungla (a quello ci pensano già colleghi e clienti), ma tenerne qualcuna, vi aiuterà a concentrarvi.


 

5) Personalizzate la vostra postazione

 

“Ho bisogno dei miei spazi”

 

Nonostante i proclami delle correnti minimaliste, persino la ricerca scientifica ha confermato che le postazioni decorate e personalizzate migliorano il benessere e la produttività dei lavoratori, e contribuiscono a creare un ambiente piacevole e partecipativo, una cultura aziendale insomma. Tenete vicino a voi pochi oggetti che amate, che contribuiscano a fare della "zona scrivania" la vostra comfort zone. Sapete qual è il costo di permettere ai dipendenti di creare l’atmosfera in cui lavorano meglio? Nessuno.

 

 

6) Sfruttate il cassetto della vergogna

 

“Sto lavorando sui miei difetti. Per ora li nasconderò sotto il tappeto”

 

Ok, vi abbiamo detto cosa sarebbe saggio fare, ma sappiamo benissimo che il tempo è poco. In caso di emergenza fate all’antica: buttate tutto ciò che è inclassificabile, in disordine, che non sapete dove mettere, in un cassetto ad hoc. Soltanto, ricordatevi di svuotarlo ogni tanto: giusto per evitare sorprese.