Scopri tutti gli articoli e le iniziative nelle varie sezioni del portale

Più consultati


Tags

London calling - i reportage di TIM OPEN nel mondo: Vietnam

26/10/2018

Un Paese con un passato doloroso, ma ricco di antiche tradizioni e paesaggi unici. Ora tra le nazioni più digitalizzate dell’Asia.




A volte ritornano: la diaspora viet-tech

Il Vietnam, conosciuto soprattutto per la guerra contro gli USA (iniziata già nel 1955 ma intensificatasi negli anni 1965-1972), si riprese a fatica dal terribile conflitto, e in quegli anni, molti decisero di emigrare.

È un fenomeno degli ultimi 20 anni quello di un ritorno di vietnamiti per lo più espatriati in USA (sono in totale circa 4 milioni).

Molti appartenenti alle nuove generazioni nate all’Estero, con in tasca una laurea o un master, tornano alla loro terra di origine, non per una questione sentimentale. Il boom economico degli ultimi 10 anni ha avuto un tasso medio del 6%; il costo della vita e del lavoro è basso; la tecnologia si sta diffondendo in modo incredibile così come la facilità di trovare con facilità lavoratori altamente qualificati e tech.

Il Vietnam di oggi – con una popolazione pari a 95 milioni di abitanti e con un’età media di 30 anni – è un paese dove brulicano coders, ingegneri, imprenditori e studenti interessati alla tecnologia e con un cv di altissimo livello.

https://www.bbc.com/news/av/business-43196792/vietnam-s-tech-innovation-renaissance

There’s a diversity of talent from around the world coming to Vietnam because of all this excitement and because it’s easy to bootstrap stuff here,” dice Nguyen, un imprenditore di 35 anni, il fondatore di Christina, una startup che si occupa di viaggi e alloggi. La startup è ormai un’azienda ben rodata, con 320 dipendenti e un fatturato di 2.5 milioni di dollari.

Un altro esempio è WisePass, disponibile a Ho Chi Minh City, Hanoi e Bangkok. Offre una membership a più di 230 hotel, ristoranti, bar, club di lusso, che include servizi FREE come vino, liquori, pranzo, cena. WisePass si sta aprendo anche al mercato dell’Indonesia, Malesia, Singapore e Hong Kong. Il fondatore, Lam Tran, è nato in Francia ma vive ormai in Vietnam da 10 anni.

Ma ci sono vietnamiti che non creano aziende o startup, e si imitano ad investire. Uno tra loro è Justin Nguyen, operating advisor di Monk’s Hill. Nato in Vietnam ma cresciuto in California, ha giocato un ruolo fondamentale per la creazione di 4 startup in Vietnam, nella Silicon Valley e a Shangai.

In un articolo su TECH IN ASIA ha così spiegato il perché del boom tecnologico in Vietnam: The country has all the necessary ingredients for an explosion in innovation: a young, educated population and a sizable returning diaspora serving as a catalyst,” he wrote. “I’m convinced it’s a chain reaction in the making.”

 

Studenti modello

Uno dei punti di forza del Paese è la qualità della istruzione; i risultati del test PISA (Programme for International Student Assessmentmostrano che nelle materie scientifiche gli studenti vietnamiti superano i coetanei di nazioni come Stati Uniti, Australia, Germania e Inghilterra. Neil Fraser, software engineer di Alphabet Inc’s Google, ha visitato le scuole locali e ha dichiarato che “in Vietnam ha incontrato i migliori studenti in Computer Science al mondo”.

Non stupisce che colossi come Microsoft ed Electronic Arts abbiano firmato contratti con società vietnamite per il design dei videogiochi.  I progettisti di GlassEgg, ad esempio, specializzati nel design delle autovetture, sono stati ingaggiati da Microsoft per lo sviluppo di Forza Motorsport.

 

E-commerce, IoT, agricoltura e nuove applicazioni

I settori in rapida espansione riguardano l’e-commerce, che cresce con un tasso del 37% annuo, le società di hardware ma anche il comparto dell’IoT che studia soluzioni dedicate a risolvere le esigenze peculiari del paese.  Un esempio è MimosaTEK, di Nguyen Khac Minh Tri,  che ha messo a punto uno strumento che consente agli agricoltori di risparmiare risorse idriche e ottenere un raccolto migliore. In base al prodotto coltivato, al clima e al suolo, un sensore segnala tramite una applicazione dedicata la quantità d’acqua da erogare, e il contadino, sempre tramite applicazione, dà il via alla irrigazione.


Nell’ambito delle applicazioni, sono tante le novità che fanno gola ai giganti statunitensi. Misfit Wearables, fondata nel paese asiatico da un americano di origine vietnamita, è stata comprata da Fossil per 260 milioni di dollari. Mentre Tabbyil social di Thuy Truong, è stato recentemente acquistato da Weeby.co, una società con base nella Silicon Valley.

 

La funivia più lunga del mondo

Il 4 febbraio 2018 Doppelmayr ha aperto al pubblico la funivia più lunga del mondo su tronco unico. 


Con una lunghezza di 7.899,9 metri, la 3S Hòn Thơm supera di quasi un chilometro e mezzo l’attuale record tenuto dalla 3S “Fansipan Legend”, anch’essa costruita in Vietnam. La linea della nuova cabinovia trifune attraversa il mare e collega le due isole per vacanze di Phú Quốc und Hòn Thơm, nel sud del Vietnam.