Scopri tutti gli articoli e le iniziative nelle varie sezioni del portale

Più consultati


Tags

d-Book: l'Intelligenza Artificiale si racconta a Paolo Massimo Buscema

20/07/2020

Un libro complesso, denso e ricco di contenuti: proprio come il nostro cervello, che con i suoi neuroni sta alla base dell'Intelligenza Artificiale.



L'Arte ha da sempre cercato di imitare la Natura, anche quando si discostava da essa, per esempio con le correnti dell'Astrattismo o del Cubismo. Anche l'Intelligenza Artificiale è un’ “arte” che imita la Natura, con l'obiettivo scientifico di creare algoritmi capaci di generare “pensieri”. Questo significa costruire delle macchine in grado di apprendere autonomamente dai dati e dal comportamento di altre macchine, in modo indipendente dal pensiero umano. Ma la sua efficacia viene sempre misurata rispetto al pensiero umano, rispetto al mondo della Natura, dove l'animale più evoluto è appunto l'essere umano. Lo scopo quindi dell' A.I. è perciò quello di imitare la Natura, pensare cioè strutture che pensino e che pensino i loro stessi pensieri, fino ad arrivare al loro stesso pensare.

Vittorio Capecchi, sociologo, intervista Massimo Buscema, tra i maggiori esperti d'intelligenza artificiale. Viene delineato un affresco della forza pervasiva dell'intelligenza artificiale in diversi campi: linguistica, economia, matematica, antropologia, medicina, sociologia, filosofia, psicologia, criminologia e religione. Non si parla solo dell'intelligenza artificiale oggi di moda (IoT), ma anche di quella che guarda alla scienza mantenendo sullo sfondo la tecnologia: il libro non racconta come il frigorifero parli con il supermercato per fare la spesa, ma tenta di spiegare come "rendere automatico il pensiero", perché solo attraverso questo tipo di riflessione è possibile far comunicare fra loro "le cose", dotandole di un qualche grado d'intelligenza.

Per l'autore, "l'intelligenza artificiale è l'unica scienza che mira a rendere visibile, materiale e automatico il mondo invisibile del pensiero umano. Sviluppare una vera intelligenza artificiale non deve servire solo a produrre nuove applicazioni ma a capire meglio chi siamo."


L'autore, Paolo Massimo Buscema, è scienziato, esperto in Intelligenza Artificiale, Reti Neurali Artificiali e Sistemi Artificiali Adattivi. Presidente e Direttore del Centro Ricerche Semeion, ente scientifico riconosciuto dal MIUR. Full Professor Adjoint presso il Dipartimento di Matematica e Statistica della Università del Colorado. Ha progettato e sviluppato nuovi modelli e algoritmi di Intelligenza Artificiale, pubblicando oltre 300 articoli scientifici e 24 libri. È inventore di 28 brevetti internazionali.

Paolo Massimo Buscema, L'arte della previsione. Intervista sull'intelligenza artificiale, a cura di Vittorio Capecchi, 378 pagine, Mimesis, 2020.