Scopri tutti gli articoli e le iniziative nelle varie sezioni del portale

Più consultati


Tags

d-Book: il futuro del 5G si vede dalla Cina

29/06/2020

Il Paese più concentrato in assoluto su digitalizzazione e hi-tech indica la strada all'Italia per il 5G



"Nella Cina odierna è impossibile immaginare che un individuo possa sopravvivere in una città cinese senza smartphone." Chen Qiufan

Inizia così, con questo incipit, il saggio di Simone Pieranni su quelle che sono le potenzialità della più grande potenza tecnologica mondiale. E non si tratta di un'esagerazione. Pieranni inizia così il primo capitolo: "Pechino, marzo 2019. Mentre faccio colazione a casa, su WeChat controllo le notizie del giorno. Poi esco e, mentre cammino per gli hutong (le antiche viuzze della capitale che sopravvivono ai tanti cambiamenti in corso nella città), con WeChat prenoto il taxi per andare a un appuntamento in un bar del distretto dell'elettronica della capitale cinese. All'interno del bar, grazie all'Id di WeChat metto lo smartphone in carica in appositi cubicoli all'ingresso del locale e incontro la persona con cui ho un appuntamento Poi recupero lo smartphone e pago la mia consumazione con WeChat. ... scambio messaggi, ricevo documenti, prendo altri appuntamenti: tutto con la stessa app." La giornata è scandita da WeChat e non si esce mai da WeChat perché WeChat è lo smartphone stesso in Cina.

Lo stesso approccio al Covid e alla gestione del contagio è stata regolamentata e monitorata con smartphone e quindi con WeChat, e con l'aiuto di una sistema di videosorveglianza tra i più capillari al mondo (una telecamera ogni 3 persone), Xue Liang (occhi acuti), un vero e proprio programma nazionale. A questi si aggiunge Terminus, la startup che gestisce i quartieri e a collezionare ogni tipo di informazioni si residenti, grazie a sistemi di riconoscimento facciale e geo-localizzazione.

L'attitudine del popolo cinese è quello di privilegiare la crescita di smart city a scapito della propria privacy. Per un sistema tecnologicamente così evoluto, denso e complesso, 5GBig Data e Intelligenza Artificiale sono gli strumenti che ne facilitano il funzionamento, gli acceleratori. Lo scrittore si interroga su queste tematiche e le approfondisce, aiutandoci così a capire quale sarà il loro ruolo nel nostro Paese.



L'autore, Simone Pieranni, laureato in Scienze Politiche, nel 2009 ha fondato China Files, agenzia editoriale con sede a Pechino che collabora con media italiani con reportage e articoli sulla Cina. Dal 2006 al 2014 ha vissuto in Cina, scrivendo per media italiani e internazionali. Dal 2014 lavora alla redazione esteri del Manifesto. Assieme a Giada Messetti, è autore del podcast sulla Cina Risciò, prodotto da Piano P.


Simone Pieranni, Red Mirror. Il nostro futuro si scrive in Cina, 158 pagine, Laterza, 2020.